Teatro Elisabetta Turroni

DELIRIO A DUE

CORRADO NUZZO e MARIA DI BIASE

Acquista i biglietti


Di Eugène Ionesco
Con Corrado Nuzzo E Maria Di Biase
Regia Di Giorgio Gallione
Scene E Disegno Luci Nicolas Bovey
Costumi Francesca Marsella
Co-produzione AGIDI e Coop CMC/Nidodiragno

“Delirio a due” è un piccolo capolavoro del Teatro dell’Assurdo, un irresistibile scherzo teatrale tipico del miglior Ionesco, dove la cornice comica e beffarda e il funambolismo verbale fanno comunque trasparire una società che affoga nella tragedia quotidiana.

In scena Corrado Nuzzo e Maria Di Biase prestano la loro naturale bizzarria, il loro gusto per il capovolgimento improvviso che disegna una situazione che è la perfetta, amara metafora dell’oggi, dove riso e sorriso evidenziano ancor più la banalità quotidiana, il conformismo, le paure di una società inaridita e patologicamente insoddisfatta di sé.

CUORE DI BURATTINO

LELLA COSTA

Acquista i biglietti


di Lella Costa e Gabriele Vacis
musiche Paolo Fresu
regia Gabriele Vacis

Chi non ha mai letto Pinocchio? Considerato uno dei capolavori della letteratura italiana, Le Avventure di Pinocchio. Storia di un Burattino, è il romanzo più conosciuto e famoso di Carlo Collodi che nel 2023 ha compiuto 140 anni.

Lella Costa e Gabriele Vacis affrontano questo grande classico con il loro consueto stile, analizzando, scomponendo e ricomponendo la storia per cercarne i temi profondi che la rendono universale e paradigmatica, offrendoci così numerose chiavi di lettura del nostro quotidiano..

tratto dal romanzo:
Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino di Carlo Collodi
produzione Teatro Carcano
distribuzione a cura di Mismaonda

CARAVAGGIO DI CHIARO E DI SCURO

LUIGI D’ELIA

Aquista i biglietti


di Francesco Niccolini
regia di Enzo Vetrano e Stefano Randisi
disegno luci Francesco Dignitoso

Quanti dettagli servono per raccontare la storia di Michelangelo Merisi da Caravaggio?

Francesco Niccolini e Luigi D’Elia raccontano un altro frammento della natura selvaggia
che sta a loro tanto a cuore. Lo fanno narrando di Caravaggio la fame e la
povertà da giovane pittore apprendista, il successo fulmineo e scapestrato, le
risse e l’omicidio riuscito, le fughe precipitose, gli arresti, le amanti, la
sentenza di morte. E soprattutto la sua mano che con la stessa facilità impugna
il pennello e la spada, e lo fa con la medesima violenza.

Una produzione Mesagne Capitale Cultura di Puglia 2023 – Umana Meraviglia, Compagnia INTI di Luigi D’Elia, Le Tre Corde – Compagnia Vetrano/Randisi, Teatri di Bari

Con il sostegno di Teatro Cristallo e PASSO NORD centro regionale residenze artistiche di montagna Trentino-Alto Adige/Südtirol sostenuto da MIC – Direzione Generale Spettacolo, Provincia Autonoma di Trento e Provincia Autonoma di Bolzano.

ALICE E IL MAGO

Bianconiglio circo-teatro


Il segreto di tutte le magie è l’immaginazione, dice il Mago. La magia è una dimensione della fantasia, risponde Alice. Arriva in valigia, irrompe nel pubblico, un curriculum, e si comincia.

Uno spettacolo, anzi una giostra, che inizia a girare freneticamente, a cavallo tra magia e giocoleria, ventriloquismo e illusionismo. Con il pubblico che non vorrebbe mai smettere di girare, ma che alla fine è costretto a scendere, e continuare a sognare.

Ingresso € 5

LE GRANDI FUGHE DEL MAGO HOUDINI

Fratelli di Taglia Produzioni

INGRESSO GRATUITO


con Matteo Giorgetti e Marco Mussoni
regia Beppe Chirico
dai 4anni in su

Lo spettacolo è un movimentato alternarsi di gags, numeri di escapologia ed aneddoti sulla straordinaria vita di Harry Houdini, il più grande mago di tutti i tempi.

Come lui fu in grado di ingannare la morte con sfide al limite del possibile, così il protagonista verrà sottoposto a prove sempre più ardue: ripercorreremo in questo modo le maggiori evasioni del famigerato mago, dalle manette alle catene, passando per la tristemente nota camicia di forza, portando quindi tutto il pubblico, dai più piccoli ai più grandi, a fare letteralmente il tifo per il nostro nuovo escapologo.

Speciale Provini a Natale – ingresso gratuito

GIACOMO SPARVIERO – IL DESTINO DI UN PIRATA

Fratelli di Taglia Produzioni

Aquista i biglietti


con Matteo Giorgetti
regia Daniele Dainelli
dai 4anni in su

Sparviero è uno scalcagnato mozzo senza amici e senza ciurma, ma ha un grande sogno, quello di diventare un vero capitano con una nave tutta sua… Grazie a una misteriosa mappa riuscirà a sentire la voce del più temibile dei pirati che gli proporrà un pericoloso gioco: se Sparviero supererà le prove indicate dalla mappa potrà conquistarsi poco a poco il titolo di capitano, per scoprire alla fine che il suo destino era scritto nelle stelle.

Ingresso € 5

COSA NOSTRA SPIEGATA AI BAMBINI

OTTAVIA PICCOLO

Aquista i biglietti


di Stefano Massini
regia di Sandra Mangini
con Ottavia Piccolo e i Solisti dell’Orchestra Multietnica di Arezzo
musica di Enrico Finkuna
produzione Officine della Cultura-Argot Produzioni
in collaborazione con Pierfrancesco Pisani e Isabella Borettini

A volte, per spiegare le cose, dovremmo solo cercare le parole. Trovarle. Infine dirle, ad alta voce.
La cosa più semplice. Raccontare di come a Palermo, il 19 aprile 1983, per la prima volta nella storia della città, una donna, Elda Pucci, la Dottoressa, è eletta Sindaco. Raccontare poi di come sempre nel mese di aprile, di un anno dopo, il giorno 13, Elda Pucci, la Dottoressa, è sfiduciata. Raccontare infine di come a distanza di ancora un anno, il 20 aprile del 1985, la casadi Piana degli Albanesi di Elda Pucci salta in aria spinta da due cariche di esplosivo. Nel prima, nel mezzo, nel dopo, lì dove tutto si impasta come la calce, come la colla, i miliardi dell’eroina, gli assassinii del Generale Dalla Chiesa, di Michele Reina, di Piersanti Mattarella, di Pio La Torre, dello scrittore Pippo Fava, il cemento di Vito Ciancimino, gli Inzerillo, i Badalamenti, i Buscetta ,l’avvento di Totò Riina. Chiddi forti, chiddi no e chiddi più. E la città di Palermo che per la prima volta, durante il mandato di Elda Pucci, la Dottoressa, si costituisce parte civile in un processo di mafia. Se riuscissimo a spiegare Cosa Nostra come ai bambini, tutto sarebbe diverso. Eppure le parole più semplici, a volte, sono quelle più difficili da trovare, quelle che solo il teatro riesce a dire. Un’attrice, un ensemble di voci, il palcoscenico: la storia di una donna, di una città, di un anno.
Ottavia Piccolo e i Solisti dell’Orchestra Multietnica di Arezzo tornano a confrontarsi inscena con le parole di Stefano Massini, a dare forma e struttura a un teatro necessario, civile, in cui il racconto dell’etica passa attraverso le parole, i timbri e le azioni di coloro che spesso non hanno voce: personaggi come Haifa in Occident Express o come Elda in Cosa nostra spiegata ai bambini.

.

UN GIORNO COME UN ALTRO

LUCA AMOROSINO – CARLO DE RUGGIERI

Aquista i biglietti


scritto e diretto da Giacomo Ciarrapico
musiche di Giuliano Taviani e Carmelo Travia
produzione Viola Produzioni

Un seggio elettorale e a modo suo un luogo simbolo di una democrazia. Quel semplice gesto, ossia votare, per anni e stato considerato quasi sacro da molti italiani, ma con il passare degli anni c’è stato uno scollamento sempre maggiore tra Paese reale e classe dirigente. E questo fenomeno ha provocato un disinteresse dilagante da parte dei cittadini nei confronti di quel gesto sacro: a ogni tornata elettorale, la prima vera notizia e la crescente astensione degli aventi diritto. E , secondo gli analisti, una malattia irreversibile. Qui si racconta quel giorno in cui l’astensione raggiungerà livelli quasi assoluti e solo il quattro per cento della popolazione andrà a votare. Ma un seggio elettorale e anche un luogo dove alcuni cittadini, gli scrutatori, sono costretti a passare un’intera giornata uno accanto all’altro. Non sapendo nulla uno dell’altro e spesso avendo visioni diverse del mondo e quindi, non di rado, mal sopportandosi vicendevolmente. Ed e così che Ranuccio e Marco si ritroveranno fianco a fianco nella sezione 4607 (un seggio alle porte di Roma) ad aspettare gli elettori che non arriveranno mai. Uno spettacolo sospeso dove Godot sono gli italiani. La commedia attraverso un paradosso mette in evidenza la riduzione della consapevolezza del valore del voto nella democrazia. Ciarrapico, con una scrittura semplice e ironica, induce a riflette su temi rilevanti.